Percorso 1 - Identità, appartenenza e partecipazione: i luoghi della convivenza democratica

Percorso 2 - Dignità umana, alterità e relazione: le persone e i diritti

Percorso 3 - Il sistema uomo-ambiente: il futuro del pianeta















Ammortizzatori sociali
Anno giudiziario
Antitrust [NORMATIVA COMUNITARIA E NAZIONALE]
Assemblea costituente
Autonomie locali
Bandiera
Bicameralismo
Bilancio dello Stato
Bipartitismo
Bipolarismo
Burocrazia
Città metropolitana
Cittadinanza europea
Commissione europea
Commissione parlamentare
Comune
Comunità internazionale
Consiglio dell’Unione Europea
Consiglio di sicurezza
Consiglio europeo
Consiglio Superiore della Magistratura
Corpo elettorale
Corte costituzionale
Corte dei Conti
Corte di Cassazione
Corte europea dei diritti dell’uomo
Corte penale internazionale
Costituzione
Federalismo
Immunità parlamentari
Iniziativa legislativa
Legalità [PRINCIPIO DI]
Legge
Legge costituzionale
Legge ordinaria
Legislatura
Legittimità costituzionale [SINDACATO DI]
Magistratura
Ministero
Ministro
Norma giuridica
O.N.U. [ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE]
Parlamento
Parlamento Europeo
Pluralismo
Popolo
Presidente del Consiglio dei ministri
Presidente della Repubblica
Pubblica amministrazione
Ratio legis [SCOPO DELLA LEGGE]
Repubblica italiana
Riserva di legge [PRINCIPIO DELLA]
Servizi pubblici essenziali
Sovranità
Sovranità popolare
Stato
Statuto albertino
T.A.R. [TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE]
Trattato
Unione Europea [U.E.]


Ammortizzatori sociali (d. lav.)
Strumenti di carattere economico normativo volti a sostenere il reddito attenuando gli effetti negativi derivanti da taluni avvenimenti nella vita dei lavoratori, quali ad esempio il licenziamento.
In linea generale, rientrano tra gli ammortizzatori sociali gli strumenti, le misure e le prestazioni spettanti ai cittadini, in quanto tali, che si trovano in situazioni di bisogno.
Gli ammortizzatori sociali più frequentemente utilizzati in Italia sono:
il prepensionamento [vedi] con il quale viene concesso ai lavoratori in esubero la possibilità di fruire anticipatamente delle prestazioni pensionistiche;
la messa in mobilità [vedi Mobilità] che permette di dislocare i lavoratori in eccedenza presso altre unità produttive che, invece, risultano carenti di personale, anche se ciò può comportare lo svolgimento di mansioni [vedi] diverse;
la cassa integrazione guadagni che consiste nell’erogazione di un trattamento salariale integrativo o sostitutivo per quei lavoratori sospesi dall’attività lavorativa o costretti a ridurre il proprio orario di lavoro, a causa di momentanee difficoltà dell’azienda.

Da moltissimi anni si tenta di riformare l’intero settore degli ammortizzatori sociali, anche se alcune norme tendono a disincentivare il ricorso a tali misure.